giovedì 29 novembre 2012

Corso di formazione in DANCECOUNSELING ARTISTICO ESPRESSIVO RELAZIONALE- CREATIVO




TRAINING TRIENNALE E/O ANNUALITA’ DI SPECIALIZZAZIONE PER COUNSELOR
Direttore dott. Fernando Battista


Counseling espressivo, DanzaMovimento relazionale- creativa, tecniche artistiche e corporee come strumenti nella relazione di aiuto

Io non sono nello spazio e nel tempo, non penso lo spazio e il tempo: inerisco allo spazio e al tempo, il mio corpo si applica ad essi e li abbraccia”   
                                                                                                                                                                                                                    Merleau Ponty
Il percorso e obiettivi formativi
L’intento è di orientare gli allievi alla conoscenza delle principali metodologie di Counseling, facendo riferimento in particolare al modello umanistico integrato, della DanzaMovimento con impronta Relazionale-Creativa ad indirizzo socio-antropologico, integrando tali conoscenze con altri approcci artistici e corporei della relazione d’aiuto che afferiscano all’universo corpo-persona, quali il teatro, la musica, la creta, l’uso della voce, la bioenergetica, lo yoga, il video e la fotografia, ecc. come strumenti per orientare la relazione stessa allo sviluppo e al cambiamento. Si propone di porre lo sguardo sull’individuo come persona costituita da un corpo fisico, psichico e spirituale partendo da un approccio alla corporeità. Obiettivo quindi è quello di fornire gli strumenti per essere in grado di utilizzare le tecniche apprese nello specifico del proprio settore professionale, di poter effettuare attraverso tali modalità un percorso di crescita personale e professionale, di essere in grado di progettare e condurre laboratori nell’ambito della salutogenesi.
A questo proposito gli obiettivi che si propone il Master sono:
  • potenziare le proprie doti di ascolto e di relazione allo scopo di agevolare in modo efficace la capacità dei futuri clienti di gestire le proprie difficoltà;
  • saper valutare le richieste esplicite e implicite del futuro cliente;
  • apprendere a utilizzare positivamente le potenzialità della comunicazione interpersonale;
  • sviluppo e potenziamento dell’empatia, accoglienza, accettazione incondizionata, caratteristiche fondamentali per ogni operatore del ben-essere
  • utilizzare, con perizia, tecniche creative di intervento atte a sviluppare ed evidenziare le risorse individuali per valorizzarle;
  • fornire metodologie, strumenti e tecniche utili alla prevenzione, valutazione e trattamento dei disagi (emotivi, corporei ed energetici) che limitano lo sviluppo del potenziale a livello relazionale, lavorativo;
  • acquisire tecniche di sensibilizzazione propriocettiva e di ecologia personale per la prevenzione e tutela della salute e del benessere psicofisico;
  • saper gestire diverse tipologie di setting (individuale, di gruppo);
  • saper progettare operativamente interventi di promozione del benessere;
METODOLOGIA Le metodologie utilizzate fanno riferimento ad una integrazione tra modelli teorici umanistici e psicodinamici con particolare considerazione degli apporti della psicologia di comunità, gestaltica, della psicofisiologia, della antropologia. I principi fondanti della DanceCounseling e Danza Movimento relazionale-creativa e della metodologia in generale, partono dall’idea che ogni persona possa essere artefice della propria evoluzione come essere umano. L’uso del corpo e della corporeità attraverso l’attenzione posta all’espressione creativa come elemento che permette di accedere direttamente ai processi primari, e ai propri vissuti emotivi. Danza quindi intesa come elemento del “sociale”, come modalità di incontro e sviluppo del sé corporeo, attraverso la relazione, il fare creativo, il gioco, l’uso di oggetti, immagini, parole, l’esplorazione sensoriale, per poter incontrare l’altro, gli altri in uno spazio di relazione condivisa. Nel percorso formativo verrà facilitato un equilibrato sviluppo psicocorporeo per un sostegno ad un cambiamento psicoemotivo nell’ambito relazionale affettivo e sociale, per una crescita personale, per uno sviluppo etico e professionale. La formazione è a numero chiuso, al fine di privilegiare l’espressione e la crescita dei singoli allievi e facilitare l’interazione con i docenti. Agli allievi verranno fornite dispense e bibliografie per meglio approfondire la parte teorica che andrà ad integrare quella esperienziale che si svolgerà durante le sessioni di lavoro di gruppo.

Nessun commento:

Posta un commento